LA RIVISTA DELLE FARMACIE COMUNALI DELLA TUA CITTÀ

Dona sangue: un gesto semplicemente importante!

Grazie per ieri, oggi e per domani

19

Grazie a tutti coloro che hanno risposto numerosi all’appello alla donazione lanciato dall’inizio della pandemia.

Grazie ai donatori volontari che hanno confermato il proprio appuntamento nonostante le molte incertezze e le preoccupazioni legate all’emergenza sanitaria e che hanno comunque deciso di continuare a donare o di diventare donatori in questa occasione di eccezionale gravità per il Paese. La risposta solidale e tempestiva dei donatori di sangue e plasma di Ferrara e provincia è stata straordinaria e ben oltre le aspettative ed è continuata nei mesi, nonostante tutto. Questo non deve però fermare la collaborazione tra donatori, volontari e personale sanitario che sin dall’inizio dell’emergenza Covid-19 si sono messi al lavoro con passione e tenacia senza mai fermarsi. Dobbiamo continuare anche nei prossimi mesi e garantire le scorte future, in modo da non dover affrontare un’emergenza nell’emergenza: quella della carenza di sangue ed emoderivati.

Il sistema trasfusionale emiliano romagnolo funziona, ma il nostro impegno riguarda anche il sostegno alle regioni che non riescono a raggiungere l’autosufficienza. Non possiamo dimenticarci dei 1.800 pazienti che ogni giorno in Italia hanno bisogno di trasfusioni.

Per questo rinnoviamo l’appello, a donne e uomini che vogliano entrare a far parte della grande famiglia AVIS, a prendere coscienza nella necessità costante di sangue e a fissare un appuntamento per effettuare la visita di idoneità: e l’impegno che chiediamo a chi è già donatore è di non perdere l’entusiasmo. Abbiamo sempre bisogno di voi!

Donare sangue è un atto solidale che ciascuno di noi dovrebbe fare. Il sangue è infatti un tessuto fondamentale per la sopravvivenza che non è possibile riprodurre in laboratorio. La donazione è sempre preceduta da uno screening ematologico volto a tutelare il ricevente e tale da garantire contemporaneamente al donatore una diagnosi e una terapia precoce in caso di malattia.

Per chi desidera diventare donatore, riportiamo le semplici ma fondamentali regole

Chi può donare?

Occorre aver compiuto 18 anni, pesare almeno 50 Kg ed essere in buone condizioni di salute. Si può donare sangue intero o solo plasma, fino a 70 anni di età (dai 67 in poi a giudizio del medico). Per candidarsi donatore occorre, però, non aver superato i 60 anni.

Come si svolge la donazione differita?

Prevede colloquio e visita medica per valutarne l’idoneità del candidato, misurazione dell’emoglobina e prelievo per effettuare gli esami ematici ed elettrocardiogramma (eventuale radiografia del torace). L’aspirante donatore riceverà lettera di idoneità e la convocazione alla prima donazione. Se il giudizio di idoneità verrà riconfermato, potrà effettuare la donazione e prenotare l’ECG.

Gli esami preliminari di idoneità intendono tutelare la salute del donatore e garantire la massima sicurezza del ricevente. Il donatore abituale che sospende l’attività di donazione per un periodo superiore a 2 anni, dovrà ripetere gli esami di idoneità.

Quando si può donare?

Gli uomini possono donare sangue intero fino a 4 volte l’anno; le donne in età fertile, fino a 2 volte l’anno, successivamente possono donare 4 volte l’anno.

Fra ogni donazione devono trascorrere almeno 90 giorni.

Come si dona il sangue?

Presso uno dei punti di raccolta di Ferrara e provincia, previo appuntamento (verificando i giorni e gli orari di apertura), non necessariamente a digiuno. È consentita una colazione leggera con tè o caffè, fette biscottate, marmellata, frutta: evitare latte e i suoi derivati.

La donazione dura circa 6-8 minuti. Dopo una breve pausa viene offerto un ristoro per reintegrare liquidi, zuccheri e sostanze nutrienti.

Come si dona il plasma? 

Il plasma rappresenta la componente liquida del sangue, grazie al quale le cellule possono circolare nell’organismo. Può essere donato anche da chi non può donare il sangue ad esempio per valori relativamente bassi di emoglobina (anche dai microcitemici).

La donazione dura fra i 45 e i 55 minuti e avviene tramite l’uso di separatori cellulari con kit sterili monouso.

Come per il sangue intero, anche la plasmaferesi si effettua solo su appuntamento.

A chi e a cosa servono il sangue e il plasma donati

Il sangue intero raccolto viene frazionato nei suoi emocomponenti dai Servizi Trasfusionali della regione. Tra i vari emocomponenti ci sono i globuli rossi che servono per correggere le gravi anemie di varia natura (ad esempio nelle leucemie, nei tumori, dopo le emorragie, nella talassemia) e le piastrine che servono per tamponare o prevenire le gravi emorragie.

Il plasma viene principalmente utilizzato nella lavorazione industriale per ottenere farmaci salvavita a base di proteine plasmatiche, che migliorano la qualità della vita di pazienti che soffrono di determinate patologie come ad esempio l’emofilia, problemi di coagulazione e disturbi del sistema immunitario.

  • Chi sono, quindi, i destinatari delle donazioni?
  • I feriti in incidenti stradali, sul lavoro e nell’ambiente domestico.
  • Chi si sottopone a intervento chirurgico programmato o urgente.
  • I pazienti affetti da anemia indotta da differenti patologie (carenza di ferro, talassemia leucemia, emofilia).
  • Coloro che devono subire il trapianto di midollo osseo o di organi. 

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza ed erogare servizi di qualità. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Accetto Informativa sulla Privacy